Contatti

Mose Venezia - Debutto e collaudo del sistema Super Lift

Altro spettacolare passo in avanti nella costruzione del Mose,
il sistema di barriere mobili per salvare Venezia dalle acque alte.
Nella notte del 10 dicembre, presso il cantiere di Malamocco, è stato varato il primo cassone
di alloggiamento paratoie che andranno a formare la barriera che si solleverà nel momento del bisogno,
quando sono previste alte maree sostenute o eccezionali.
Una manovra molto complessa, che non tollerava errori.
Il cassone,  pesante ben 16.000 tonnellate,
è stato costruito a terra nel cantiere di Malamocco ed è stato movimentato in cantiere attraverso un sistema di rotaie
e martinetti oleodinamici e traslato fino alla piattaforma di varo, una sorta di grande ascensore
(il più grande al mondo del genere, brevetto Rolls Royce) , che ha consentito di calarlo in acqua.

 

Con il cassone in acqua, entra in funzione il sistema di Super Lift, una struttura di sollevamento
posizionata sul motopontone Giuliana in grado di sollevare 2.800 tonnellate che,
agganciata ai cassoni, serve per movimentare il manufatto fino alla bocca di accesso alla laguna dove andrà installato e guidarne
l'affondamento fino al corretto posizionamento sulla base precedentemente preparata sul fondo del mare.
La struttura Super Lift, è stata interamente realizzata dalla ditta Pelliccia srl, presso gli stabilimenti di Pianello di Ostra (AN).

 

Pontone Giuliana con sistema Super Lift

Cantiere Malamocco